Un party con Maradona

Da quando mi sono trasferito, ho ricominciato a frequentare i corsi “comunali” di lingua che, tra l’altro qui sono gratuiti. Rispetto a dove abitavo prima, qui il tipo di compagno di corso e’ diverso: piu’ giovane, piu’ maschi e maggiore senso di comunita’.

Ci sono molti indonesiani, il solito gruppone di cinesi, qualche europeo e nessun nepalese (dove abitavo prima era pieno!). Il livello non e’ niente male e l’ambiente e meno formale, probabilmente grazie al fatto che l’insegnante e’ piu’ giovane.

Domenica scorsa, Wilson il colombiano del gruppo, ha organizzato un party a casa sua, evento piuttosto raro in Giappone. Solitamente gli spazi domestici non vengono molto condivisi: meglio incontrarsi fuori, in territorio neutro. Le case poi sono sempre abbastanza piccole e, comunque, sono il luogo della privacy per eccellenza. Questo spiega anche il numero sconfinato di bar, ristoranti, caffetterie che ci sono a Tokyo: luoghi ideali dove vedersi, senza preoccuparsi troppo di quante sedie si hanno in casa o del disordine cronico che caratterizza le abitazioni.

Comunque, bella atmosfera domenica: un pomeriggio passato a esprimermi (parlare e’ ancora troppo presto…) in giapponese con delle persone davvero in gamba. In particolare i quattro ragazzi indonesiani, operai di fabbrica che vivono insieme in un mini appartamento sopra l’azienda dove lavorano: giovanissimi, si fanno un mazzo alle presse, mandano i soldi alle famiglie a casa e parlano bene la lingua.

E poi uno di loro (il piu’ vecchio, nato nel 1986) si chiama Maradona. Non di cognome ma di nome proprio eh.

Annunci

6 commenti on “Un party con Maradona”

  1. disma ha detto:

    deve essere divertente entrare in una comunità così multietnica, qui al limite incontri uno della valbrembana (non è vero ma mi faceva ridere l’idea di incontrare uno della val brembana)

  2. Lorenzo Barassi ha detto:

    Fantastico Disma.
    E poi mi piace un sacco leggere i tuoi commenti affiancati allo scatto soddisfatto che utilizzi.

  3. maxanddouglas ha detto:

    Ovviamente chi poteva distinguersi se non il colombiano? XD
    Wilson? Ma ha la faccia bianca, rotonda, con delle cuciture e delle foglie per capelli?

  4. Lorenzo Barassi ha detto:

    Ah ah Colombia Rules!
    Niente palla da volley insanguinata, anzi e’ molto simpatico e ospitale.
    E comunque ora che ci penso, ovunque vado un colombiano lo trovo sempre…

  5. diegoarmando ha detto:

    quindi mi stai dicendo che in rubrica sul telefonino hai un Maradona originale?
    altro che il mio finto Paolo Roberto Falcao ovvero l’odontotecnico che mi ha fatto il bite
    sono un po’ invidioso..

  6. Lorenzo Barassi ha detto:

    Calma calma: Maradona non lascia il suo numero cosi’ facilmente, ci sara’ da sudare. Spero che i mondiali prossimi creino la giusta occasione…


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...